A tre mesi dal via il CETA premia l’Italia

Sono positivi e premiano l’Italia i dati raccolti e diffusi dalla Cia a tre mesi dall’applicazione degli accordi commerciali Italia-Canada. Lo scorso anno, tra prodotti agricoli, cibi e bevande sono stati venduti in Canada oltre 811 milioni di euro. Negli ultimi tre anni il Made in Italy agroalimentare sulle tavole canadesi è cresciuto del 23%. A ciò si aggiunge il fatto che il mercato canadese è particolarmente strategico per alcuni comparti chiave del Made in Italy. Il vino, cresciuto del 9% in un anno, rappresenta il quinto sbocco commerciale dell’export agroalimentare nazionale.

Le dinamiche di crescita sopra osservate, si sono consolidate nei primi tre mesi di applicazione provvisoria del CETA. Tra ottobre e dicembre dello scorso anno, le spedizioni tricolori verso il Canada sono aumentate del 9%.

Le importazioni di frumento dal Canada sono passate da 1,6 milioni di tonnellate del 2014 al 795 mila dello scorso anno, un calo costante che è valso -35% nell’ultimo triennio. Osservando i dati relativi ai primi tre mesi di applicazione provvisoria del CETA, la dinamica delle importazioni di frumento canadese dell’ultimo triennio trova conferma. Tra ottobre e dicembre, infatti, gli arrivi di grano canadese sono diminuiti del 35%.

Fonte: http://www.fierezootecnichecr.it/2018/03/21/il-ceta-a-tre-mesi-dal-via-premia-litalia/

Categorie