Crolla il numero di stalle attive in Italia

Negli ultimi 10 anni si è praticamente dimezzato il numero di stalle presenti in Italia: nel 2015 si è infatti raggiunto il minimo storico di 33mila allevamenti, rispetto ai 60mila attivi del 2005. Il dato arriva dallo studio Coldiretti “Il latte italiano, un primato da difendere”, presentato nei giorni scorsi a Milano. A fronte di una produzione nazionale di circa 110milioni di quintali di latte, sono 85 i milioni di quintali importati dall’estero equivalenti a concentrati, cagliate, semilavorati e polveri che vengono poi imbustati o trasformati industrialmente per diventare mozzarelle, formaggi o latte italiani, all’insaputa dei consumatori visto che l’etichettatura non è ancora obbligatoria. A rischio, secondo la Coldiretti, ci sono 120mila posti di lavoro nell’attività di allevamento da latte che generano lungo la filiera un fatturato di 28 miliardi di euro: la voce più importante dell’agroalimentare italiano dal punto di vista economico ma anche dell’immagine del made in Italy.

Fonte: bovinodalatte.it

Categories